Content is comming here as you probably can see.Content is comming here as you probably can see.
Share | Invia ad un amico Stampa

DIMENSIONE CARATTERI

MOC

MOC: mineralometria ossea computerizzata
 

Si tratta della misurazione del grado di mineralizzazione delle ossa, cioè del loro contenuto in calcio e altri minerali. Questo esame diagnostico consente di accertare la presenza di osteopenia e/o osteoporosi che si manifestano prevalentemente dopo la menopausa nella popolazione femminile e in età senile nei soggetti di entrambi i sessi, oppure in seguito a malattie endocrine, metaboliche, renali, ecc.
 
La MOC può essere eseguita secondo varie metodiche, la più diffusa attualmente è la cosiddetta DEXA, o Densitometria ossea a doppia energia, che utilizza un apparecchio a raggi x. Il principio di funzionamento si basa sulla emissione da parte di una sorgente radiante di un fascio di particelle luminose che tende a perdere energia quando attraversa i tessuti.
 
Un’apposita apparecchiatura permette di ricavare la densità minerale del’osso dal grado di attenuazione che il fascio subisce nell’attraversare il corpo del soggetto esaminato. La densità dei segmenti ossei analizzati viene espressa attraverso due indici: il T score, che indica di quanto i dati rilevati si discostano rispetto alla massa ossea massima, che di solito viene raggiunta intorno ai 30 anni, e lo Z score, che indica di quanto gli stessi dati si discostano rispetto al valore medio dei soggetti sani della stessa età e dello stesso sesso. 
 
Come si esegue
La MOC si esegue in studi radiologici attrezzati e nei reparti di radiologia di ospedali e case di cura.
Ci si stende su un lettino sotto il quale è situato l’apparecchio che emette i raggi x, mentre sopra il lettino si trova l’elaboratore delle immagini. In genere l’esame si esegue a livello dell’avambraccio, della colonna vertebrale lombare e del femore.
Dal punto di vista del paziente non è diverso da una normale radiografia, non richiede nessun tipo di preparazione e non comporta dolore o fastidio. In genere l’esame dura circa 10 minuti. 
 
Il risultato
Il referto è già disponibile, nella maggior parte dei casi, alla fine dell’esame.
 
Indicazioni
A scopo preventivo, la MOC si prescrive a donne che si stanno avvicinando alla menopausa, ossia tra i 45 e i 50 anni di età, e viene ripetuta alcune volte a distanza di uno, due anni per accertare la velocità dell’eventuale perdita di minerale osseo (decalcificazione).
Questa procedura ha lo scopo di individuare le donne caratterizzate da una perdita veloce e importante di massa ossea (cosiddette fast losers) e che sono a rischio per fratture patologiche. La MOC può essere prescritta anche dopo la menopausa, per valutare lo stato di mineralizzazione ossea ed eventualmente può essere ripetuta per valutare gli effetti del trattamento. Assai meno comune è la prescrizione nell’uomo, che più raramente può andare incontro all’osteoporosi senile, molto meno rilevante e pericolosa.
 
Controindicazioni
Nelle attuali modalità di esecuzione, l’esame è innocuo e può essere ripetuto ogniqualvolta lo si ritenga necessario, su prescrizione del medico di famiglia, del ginecologo o dell’ortopedico.

 

© 2004-2014 sanofi-aventis S.p.A.
Direzione e Coordinamento Sanofi (Francia) Sede legale: Viale Luigi Bodio, 37/b - 20158 Milano - Cap. Soc. € 202.279.195,04 i.v. - Reg. Imprese Milano /C.F./P. IVA 00832400154
sanofiaventis_spa@pec.it