Content is comming here as you probably can see.Content is comming here as you probably can see.
Share | Invia ad un amico Stampa

DIMENSIONE CARATTERI

Piede diabetico

Sintomi

   
   

I diabetici sentono spesso i piedi freddi e insensibili; anche il colore delle estremità poco irrorate è caratteristico: sono arrossate quando si sta in piedi, diventano pallide a riposo, distese e sollevate. 
 
Le piccole ferite vengono spesso trascurate, perché non si controllano attentamente i piedi ogni giorno, o perché non si prova dolore, a causa della neuropatia periferica: a volte perfino una piaga profonda può risultare insensibile.
  
Un'altra manifestazione caratteristica è la claudicatio intermittens ovvero la "malattia delle vetrine": affaticamento, formicolii e dolore ai polpacci costringono il paziente a fermarsi spesso per riposare, a volte soltanto a intervalli di pochi passi, proprio come chi passeggia da una vetrina all'altra.
 
Il ristagno circolatorio può causare ulcerazioni e vene varicose: sia le piccole, sia le grandi ferite del diabetico stentano a rimarginarsi e quindi possono infettarsi facilmente, dando luogo ad ascessi con formazione di pus. 
   
A causa della scarsa sensibilità, un'infezione della pianta del piede si può propagare rapidamente in profondità, dalla cute ai muscoli, fino a interessare anche le ossa e le articolazioni, deformandole e si distruggendole (osteomielite, artropatia).
Se questa spirale di eventi non viene fermata in tempo, può manifestarsi una vera e propria gangrena, che causa la perdita del piede o della gamba e mette a rischio la vita del paziente diabetico.

 

Testi a cura della redazione scientifica di Elsevier Srl

© 2004-2014 sanofi-aventis S.p.A.
Direzione e Coordinamento Sanofi (Francia) Sede legale: Viale Luigi Bodio, 37/b - 20158 Milano - Cap. Soc. € 202.279.195,04 i.v. - Reg. Imprese Milano /C.F./P. IVA 00832400154
sanofiaventis_spa@pec.it